Se pensate che l’inglese non fa per voi, e il cinese è troppo complicato, vi resta solamente una terza lingua che sarà sempre garanzia di successo: lo spagnolo! Questa lingua si contende costantemente con le due nominate in precedenza, lo scettro di lingua più parlata del mondo. In effetti, se ci pensate un attimo, vedrete che dal Messico in giù, Brasile a parte, la lingua veicolare ed ufficiale dei Paesi di centro e sud America è lo spagnolo. Se differiscono gli accenti, tranquilli che non cambia la grammatica. La Real Academia de Lengua Española, con sede a Madrid, detta ogni anno le regole della grammatica spagnola internazionale, alle quali si adeguano le varianti messicane, colombiane, venezuelane, costarricensi, panemensi, argentine, cilene e così via.

MADRID

Ma perchè dovreste scegliere di fare una vacanza studio in un Paese di lingua spagnola o, più esattamente, castigliana? I motivi sono innumerevoli. Abbiamo già menzionato che sono moltissime le persone al mondo che parlano spagnolo, circa 325 milioni stimate nel 2007, per cui non c’è dubbio che saranno molte le possibilità di trovare lavoro in un ambito che preveda contatti con questi Paesi. La crisi che sta colpendo il mondo occidentale sembra infatti aver ribaltato i ruoli, ed aver fatto dell’America la stessa terra di possibilità che c’erano anche 80 anni fa. E allora perchè non rischiare? Per i più intellettuali, ovviamente lo spagnolo è una lingua interessante dal punto di vista letterario. Il colombiano Gabriel García Márquez o il peruano Mario Vargas Llosa sono solamente due tra i più importanti premi nobel di letteratura in lingua spagnola.

Un’altra ragione è che la Spagna non è poi così lontana dall’Italia, e una vacanza ogni tanto per allenare la lingua non è poi cosa così difficile! La Spagna, si sa, ha condiviso molta storia con l’Italia ed oltretutto, ha da sempre costituito una terra affascinante per le sue tradizioni, i suoi colori, il cibo e la musica, un po’ come l’Italia del resto! In assoluto uno dei Paesi più soleggiati dell’intera Unione Europea, la Spagna è meta ogni anno di turismo proveniente dai Paesi settentrionali -Finlandia, Germania, Svezia, Inghilterra- ma anche dai Paesi che si affacciano su Mediterraneo, come ad esempio Francia e Italia. Durante tutto l’anno, ma soprattutto in estate, in Spagna si possono vivere dei soggiorni fantastici, e quasi sicuramente imbattersi in un festival o in una fiera, soprattutto nella famosa Andalusia. Cosa state aspettando ad organizzare la vostra vacanza studio?

Annunci

Spesso vi sarà capitato di dover definire il vostro livello di conoscenza linguistica in inglese o altre lingue e non sapere come dare una risposta “ufficiale”. Per esempio, se voleste prenotare delle vacanze studio per la preparazione di esami quali il TOEFL, IELTS, Cambridge, DELF o DELE, vi verrebbe richiesto un livello minimo pari al B1 o B2 in base alla scuola di lingua scelta.

Il Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle Lingue (QCER) si sviluppò tra il 1989 ed il 1996 attraverso un’approfondita ricerca di diversi gruppi di lavoro, i cui risultati furono consolidati dal Consolato Europeo per applicare uno standard a tutti gli esami di lingue europee. 

I livelli di riferimento del QCER sono quindi sei e sono ormai utilizzati dalla maggior parte degli enti  di certificazioni delle varie lingue europee:

  • A1 – LIVELLO BASE: lo studente riesce a comprendere ed utilizzare espressioni e frasi molto semplici. Può presentarsi e proporre e rispondere a domande su dettagli personali (es: il suo nome, da dove viene, dove vive).
  • A2 – LIVELLO ELEMENTARE: lo studente capisce frasi ed espressioni comuni. Riesce ad utilizzare frasi routinarie e che richiedono uno scambio semplice e diretto su argomenti familiari. Può descrivere in termini semplici aspetti riguardanti la propria origine ed il proprio ambiente.
  • B1 – LIVELLO PRE-INTERMEDIO: lo studente riesce a capire i punti principali di una conversazione su aspetti familiari riguardo al lavoro, la scuola, gli hobby e la maggior parte delle situazioni. Puo’ creare testi semplici riguardo argomenti di suo interesse o personali. Puo’ descrivere eventi, sogni, speranze e ambizioni e spiegare le proprie opinioni.
  • B2 – LIVELLO INTERMEDIO: lo studente può capire le idee principali di un testo complesso su temi concreti o astratti e sviluppare discussioni tecniche riguardo la sua specializzazione. Le sue espressioni sono fluide e spontanee e permettono una interazione normale con i nativi della lingua.
  • C1 – LIVELLO POST-INTERMEDIO: lo studente capisce vari testi complessi e lunghi e si esprime con naturalezza. Può inoltre sviluppare testi chiari e dettagliati, anche per scopi professionali, che presentano una struttura ben costruita.
  • C2 – LIVELLO AVANZATO: lo studente sa esprimersi in maniera molto spontanea e comprende tutto ciò che legge o sente, anche le sfumature di significato più complesse.

Quindi, vi consigliamo di fare fede a questa suddivisione tra livelli per comunicare il vostro reale livello di conoscenza linguistica, in quanto quando vi iscriverete ai soggiorni studio all’estero effettuerete test di livello che si atterrano a questa suddivisione!

 

Alessandra Bonardi

Se vi trovate a Barcellona per le vostre vacanze studio, non potrete di certo non passare dal magnifico Zoo nel Parco della Ciutadella.  Soprattutto quest’anno che celebrerà il suo 120° anniversario, dopo più di un centenario dalla sua apertura nel lontano 1892 durante il giorno della Mercèpatrona di Barcelona. I primi animali furono donati da collezioni private di signori della città e dei dintorni e attualmente consta di una delle collezioni più grandi di animali in Europa. Durante molti anni, dal 1966 al 2003, lo Zoo ha ospitato Fiocco di Neve, l’unico gorilla albino conosciuto al mondo.

Sin dall’inizio questo parco ha avuto fini educativi nei confronti dei propri cittadini. Attualmente, sostiene tre precisi obbiettivi: conservazione, ricerca ed educazione. E quest’anno per celebrare il suo 120° compleanno ha imbandito un concorso per stimolare i ricordi e la fantasia dei suoi visitatori con la fotografia: “Mural de les Històrias del Zoo de Barcelona, invitanto il pubblico maggiore d’età ad inviare le loro storie fotografiche per costruire un grande murales di fotografie che riportino alla memoria l’evoluzione di questo bellissimo spazio della capitale catalana. I visitatori potranno quindi inviare le foto dei loro momenti all zoo, sia del passato che del presente, sia con strumenti fotografici semplici che professionali. Ogni partecipante potrà inviare entro il 5 agosto fino a 4 fotografie per ognuno dei seguenti periodi storici: dal 1888 al 1936, dal 1936 al 1956, dal 1956 al 1992 e dal 1992 al 2012.
Tutte le foto faranno parte di un enorme murales installato all’interno del giardino zoologico ed il 24 settembre 2012, giorno della Mercè, sarà la grande festa.

Le quattro foto più votate dagli utenti tra tutte quelle pubblicate sul sito web del concorso riceveranno il pack dei prodotti di merchandising dello Zoo e la tessera annuale del Club Zoo, che offre alle famiglie ed a tutti coloro che amano gli animali e la natura una scelta esclusiva per il tempo libero nel cuore della città di Barcellona.

Se quindi sarete in zona nelle prossime settimane per le vostre vacanze o i vostri soggiorni studio, vi consiglio di passare allo Zoo e scattare le vostre migliori fotografie!

Alessandra Bonardi

La cucina Catalana

06/07/2012

Una delle attrazioni di Barcellona meno conosciute, ma assolutamente di spicco durante le vacanze studio Spagna, è la buonissima cucina Catalana. La cucina catalana, spicca nella dieta mediterranea ed è principalmente caratterizzata da numerosi e rinomati dolci. Gli ingredienti arrivano dal mare e dai campi e sono la chiave fondamentale per il successo dei piatti popolari catalani.

La maggior parte di questi piatti sono rurali. Grazie alla sua lunghezza geografica la sua cucina può approfittare di una varietà di ingredienti nelle ricette, che comprendono i prodotti della montagna, della campagna e del mare, con olio d’oliva, lardo, aglio, cipolle, ortaggi, frutti di mare freschi, riso, verdure, erbe aromatiche e dolci assortiti.

La Catalogna ha quattro ristoranti presenti sulla guida Michelin a tre stelle a El Bulli di Ferran Adria a Cala Montjoi; Santi Santamaria di Can Fabes a Sant Celoni; Sant Pau, Carme Ruscalleda a Sant Pol de Mar.

La salsa è un complemento fondamentale in molti piatti della cucina catalana, e per secoli, queste ricette sono state accompagnate con maionese all’aglio, salsa, ratatouille.

A Girona il riso è rinomato, in combinazione con i prodotti provenienti dalle montagne come funghi, o combinazioni di pesci come la rana pescatrice cotta con frutti di mare, nasello, orata, branzino e crostacei come l’aragosta, o prodotti di terra come lumache o salsiccia combinate con diversi prodotti come i fagioli. Nella pasticceria la crema catalana è un must.

A Barcellona troviamo una cucina più cosmopolita, dominata da piatti preparati con verdure alla griglia, pane con pomodoro o panellets.

In Lleida, la gastronomia è varia e ricca, in particolare l’uso abbondante prodotti dell’orto e frutta, ed è una delle regioni produttrici di frutta più importanti della penisola. Pere, prugne, pesche, nettarine e mele fanno parte della sua cosiddetta cucina di frutta.

Le carni più importanti della zona sono l’anatra, il coniglio, il pollo, il tacchino e soprattutto di maiale.

Tra i dolci svettano: patissets, macedonie di frutta, muffin e mele al forno ripieni di noci.

Infine, in Tarragona i piatti spesso contengono frutti di mare. Il xató, casseruola di pesce, il Esmarris zarzuelas o i frutti di mare sono solo alcuni dei loro piatti principali.

Questi piatti sono sempre in buona compagnia con un buon vino, magari in una terrazzina durante le vostre vacanze studio.

La Sagrada Familia

21/06/2012

La Sagrada Familia è una delle opere più famose dell’artista Gaudì a Barcellona, imperdibile durante le vacanze studio. Si tratta di una Basilica gigante in costruzione dal 1882 (non è un errore di battitura!) e che dovrebbe essere completata tra i 30 e gli 80 anni (tempo di esecuzione varia a seconda delle diverse fonti).

Molte polemiche circondano la costruzione della Sagrada Familia. Secondo molti, i nuovi materiali da costruzione che vengono utilizzati oggi, Gaudí stesso non li avrebbe utilizzati.

Quando si visita l’edificio una delle prime impressioni riguardano il contrasto nel colore delle pietre tra la facciata anteriore dell’opera e la parte posteriore dell’edificio. Anche lo stile attuale della costruzione sembra un po’ diverso rispetto allo stile originale dell’opera.

Gaudí ha svolto un ruolo attivo nel dirigere la costruzione della Sagrada Familia fino alla sua morte nel 1926. Era solito chiedere molte volte che i lavori venissero modificati e adattati fino a che non erano esattamente quello che aveva in mente. Tuttavia oggi, a causa della natura dei progetti esistenti, il suo lavoro è in parte aperta all’interpretazione. L’interpretazione dei disegni originali da parte di architetti di oggi è particolarmente impegnativa, perché le pietre da costruzione effettivamente sono di forma irregolare.

L’edificio è ancora in piena costruzione quindi preparatevi a vedere un sacco di lavori in corso quando visiterete la chiesa più famosa di Spagna. Ma questo in sé è interessante, soprattutto se si visita il museo all’interno dell’edificio.

Indipendentemente da tutte le polemiche, la Sagrada Familia è un edificio davvero magnifico e assolutamente da vedere quando si visita la città di Barcellona. Una tappa da sempre molto gettonata dagli studenti durante i loro soggiorni studio.

Informazioni utili: La Sagrada Familia

Indirizzo: Calle Mallorca, 401 – 08013 Barcelona,

Orario di apertura: da Ottobre a Marzo: 09:00 – 18:00 / da Aprile a Settembre: 09:00 – 20:00;

25 e 26 Dicembre, 01 Gennaio e 06 Gennaio: 09:00 – 14:00.

Tappa obbligata per ogni appassionato di calcio durante le vacanze studio a Barcellona è il Camp Nou, il mitico stadio del Futbol Club Barcelona.

E’ stato Francesc Miró-Sans, presidente del FC Barcelona nel 1953, che ha preso la decisione di costruire un nuovo stadio dopo una campagna elettorale. La campagna per la presidenza del club è stata presentata con lo slogan: “Abbiamo bisogno, vogliamo e avremo un nuovo stadio”. Dopo soli 4 mesi dall’approvazione del progetto, vengono avviati i lavori al Camp Nou, lo “stadio nuovo” che è il nome in catalano. Lo stadio è stato finalmente inaugurato nel 1957. Ufficialmente si chiamava L’Estadi.

Architetti Josep Soteras Mauri e Francesc Mitjans Miró creano un progetto dello stadio sulla base di una struttura in cemento e acciaio con 2 anelli di gradinate continue. L’anello superiore si abbassa e cede il passo alla struttura del tetto sopra la tribuna principale. Il tetto contiene 26 travi di sostegno in acciaio e ha un profilo semplice che si restringe verso il campo di gioco. Nei primi anni, lo stadio aveva una capacità di 93.000 spettatori.

Nel 1982, lo stadio è stato notevolmente ampliato e ristrutturato per ospitare un paio di partite durante la Coppa del Mondo. Lo stadio può contenere 115.000 spettatori dopo la costruzione di un terzo anello, sul lato opposto delle tribune, dove non c’era il tetto. Il nuovo anello è caratterizzato da una forma che sale verso il cielo. Nel suo punto più alto si eleva a 48 metri dal livello del suolo.

L’altezza dello stadio offre una grande sensazione di maestosità. Al di fuori, lo stadio è impressionante. Il fianco è perfettamente verticale e si alternano un mix di concavità e pannelli. Nel 1997, i nomi dei calciatori sono stati inseriti nella facciata, considerata triste, per rallegrala un po’.

Nel 1994, il primo anello delle gradinate è stato ampliato. Pertanto, il livello del campo di gioco è stato abbassato di 2,5 metri. Al tempo stesso, i posti in piedi nelle tribune superiori sono stati trasformati in posti a sedere. Oggi, il Camp Nou è lo stadio più grande d’Europa, contenente oltre 98.000 posti a sedere. La vicinanza delle tribune al campo di gioco e l’imponente mole della struttura ne fanno uno degli stadi di calcio europei più suggestivi.

Sono in molti, durante le vacanze studio Londra, a visitare gli stadi storici inglesi, con più di un secolo di vita, il Camp Nou forse non ha la stessa età, ma di sicuro ha lo stesso fascino.

Di seguito troverete un riassunto degli eventi più importanti di Barcellona per il mese di maggio; quindi se frequentate le vacanze studio in questo periodo, sono info molto utili.

Il 5 o 6 maggio si gioca FC Barcelona – Espanyol. Il derby di Barcellona viene giocato nella penultima giornata della stagione. I biglietti sembrano tutti esauriti, vista la importanza che ha in città l’evento, ma presso alcune rivendite potreste trovare l’occasione dell’ultimo minuto.

Fira del Disc de Barcelona 2012 si svolgerà il 5 e 6 maggio. Questo è uno dei grandi eventi per i collezionisti e gli amanti della musica. L’evento si svolge nel Estacó del Nord. La fermata della metro più vicina è “Arc de Triomf (L1)”, l’orario d’apertura: 10-21h (Sabato) e 11-20h (Domenica).Il Prezzo dell’entrata è di 6 €.

Dal 11 al 13 maggio si correrà a il Gran Premio di Spagna di Formula 1.
Si correrà nel Circuit de Catalunya: Montmeló. I biglietti costano tra i 50 ei 450 euro, a seconda del giorno e dei posti a sedere.

Bruce Springsteen in concerto il 17 e 18 maggio.
Bruce Springsteen farà 2 spettacoli a Barcellona all’interno del suo nuovo tour “Wrecking Ball World Tour 2012”, Il nuovo tour con la E Street band. I biglietti sono ufficialmente esauriti, ma si possono ancora trovare comprandoli da qualche agenzia specializzata nella rivendita di biglietti. I concerti si svolgeranno allo Stadio Olimpico Lluís Companys Giovedì 17 e Venerdì 18 alle 21.Prezzo biglietti: da 75 €.

Il San Miguel Primavera Sound 2012 quest’anno si svolgerà tra il 30 di maggio e il 3 di giugno. É tutto pronto per la nuova edizione del San Miguel Primavera Sound, un importante festival che unisce nuovi musicisti e gruppi emergenti, con nomi più conosciuti della scena musicale. Prezzo dei biglietti da 80 euro.

Le occasioni di svago, durante questo mese di maggio, non mancano di certo in città. I fortunati, che hanno prenotato i soggiorni studio in questo periodo, non si annoieranno di certo dopo i corsi di spagnolo. E questi sono solo gli eventi più importanti e grandi, le manifestazioni minori sono ancora maggiori, e rendono Barcellona una delle città più divertenti del mondo.

Valencia si trova sulla costa mediterranea della Spagna. Si tratta di una città fiorente con una architettura luminosa e gloriosa, sia storica che moderna, una meta ideale per delle vacanze studio. Di seguito troverete 10 motivi per visitare Valencia.

1. Il costo della vita nella città di Valencia è significativamente inferiore rispetto al costo della vita in una città italiana. Uscire per una birra in compagnia o per passare una serata richiede veramente uno sforzo economico minimo.

2. La Città delle Arti e delle Scienze ospita il più grande acquario d’Europa, un museo della scienza, un planetario e sale da concerto.E’ la seconda destinazione turistica più popolare in Spagna. Si sviluppa su 350 mila metri quadrati, si trova nel letto, ora asciutto, del fiume Turia.

3. Riflettendo l’intera gamma di architettura spagnola, Valencia è la patria di alcuni degli edifici più affascinanti della Spagna. La varietà di architettura include palazzi barocchi, come il castello gotico di seta, la cripta visigota e magnifici mercati modernisti.

4. Alcuni luoghi meravigliosi da visitare: Cattedrale di San Pedro, Santa Maria e El Miguelete.

5. A Valencia la vita notturna è vivace e continua per tutta la notte. La vita notturna offre opportunità per tutti i gusti. Da visitare assolutamente il barrio del Carmen, un quartiere straripante di bar e locali.

6.  A Valencia potrete gustare l’autentica paella Valenciana, la troverete in quasi tutti i ristoranti, inoltre è possibile mangiare dell’ottima paella in alcuni chioschetti sparsi per la città. Il più famoso si trova dietro il mercato centrale.

7. Potrete godervi le partite del Levante e del Valencia, due squadre che militano nella liga spagnola. Il Valencia in particolare gioca nel nuovo stadio ed è, dopo il Real e Il Barca, una delle squadre più forti di Spagna.

8. Valencia ha anche molto da offrire ai giocatori di golf, con i suoi due campi: Campo de Golf El Saler e il Golf Club Scorpion.

9Las Fallas è la festa più famosa di Valencia e tra le feste più importanti della Spagna. Spettacoli pirotecnici carri allegorici e tanta festa sconvolgeranno la città per una settimana.

10. Trasporti a Valencia sono molto confortevoli ed efficienti. Gli studenti, durante i loro soggiorni studio, possono utilizzare i taxi, autobus e la metropolitana che collega tutta la città.

L’isola di Gran Canaria gode di ben 236 Km di costa. I luoghi in cui stendersi e godersi il sole e il mare non mancano di certo. Potrete trovare dalle spiagge più affollate e ricche di animazione, musica e divertimento, alle baie semi nascoste deserte e silenziose. Delle vacanze, sicuramente differenti rispetto alle vacanze studio Londra.

Parlando di spiagge a Gran Canaria necessariamente bisogna nominare la famosa spiaggia di Maspalomas. Situata su una lunga lingua di terra dove si trovano molti alberghi dell’isola, una spiaggia non troppo affollata, tranne in alta stagione, che offre tutti i servizi e divertimenti che cercate. Avvicinandoci alla riserva naturale di Maspalomas l’atmosfera cambia, le restrizioni edilizie donano al visitatore un paesaggio incontaminato, dove regna solo la natura.

Un’altra spiaggia, nel sud dell’isola sicuramente interessante è Puerto Rico. Tipica spiaggia vivace durante tutto l’anno dove le barche a motore, alberghi e bar, feste e non smettono mai di offrire divertimenti e occasioni di svago. Tutto questo in una cornice di sabbia bianca e acque cristalline dove i delfini possono essere avvistati anche senza allontanarsi troppo dalla costa. Un luogo dove il divertimento non finisce mai.

Coloro che vogliono riposarsi e rilassarsi dopo tanta fiesta, troveranno la spiaggia giusta per loro. Un esempio: Agaete. Un paradiso di pace e tranquillità lontano dal trambusto dell ‘isola. Un villaggio di case bianche e stradine strette dove si possono fare tranquille passeggiate sulla spiaggia al tramonto. Un paradiso naturale, a nord dell’isola, dove la pace e la tranquillità regnano sovrane.

Il clima permette di godersi l’isola durante tutto l’anno, con un caldo maggiore durante i mesi estivi.

Come abbiamo visto, le spiagge dell’isola sono tantissime e molto diverse tra loro. Dal trambusto del sud alla quiete del nord. Per non parlare degli angoli più nascosti e incontaminati in tutta l’isola. Un paradiso per le vacanze studio nell’oceano Atlantico. L’isola, oltre alle spiagge, ha molto da offrire, la natura dell’interno dell’isola, una cultura e delle cittadine tipicamente di mare, per non parlare del vulcano e delle escursioni. Inoltre non mancano i monumenti storici e la possibilità di svolgere numerosi sport sia acquatici che non, come: surf, immersioni…

La Spagna è sicuramente uno dei paesi che attirano il numero maggiore di turisti al mondo. Di seguito una lista di alcune delle cose imperdibili da fare o vedere durante le vostre vacanze studio nella penisola iberica.

Visita l’Alhambra di Granada.vacanze studio Spagna
Questo palazzo moresco fortificato è assolutamente incredibile. Il complesso è vasto e occupa una grande porzione del centro città, quindi assicuratevi di avere una giornata intera per esplorarlo. Se si vuole visitarlo in estate megli prendere con anticipo i biglietti.

Vedi una delle straordinarie architetture di Frank Gehry.
Che sia l’incredibile Guggenheim Museum di Bilbao, l’enorme pesce di rame sulla spiaggia di Barcellona o il centro congressi nei pressi di Malaga, tutti i pezzi di Frank Gehry sono capolavori futuristici.

Prendere parte a una festa locale del paese.
Le feste locali sono per lo più di natura religiosa, ma questo non vuol dire che non ci sia un sacco di divertimento.

Gaudi a Barcellona.
Di tutti gli edifici a Barcellona, progettati da Antoni Gaudi, nessuno è più spettacolare di Parc Guell. L’ampio parco dispone di numerosi edifici e sculture che caratterizzano lo stile ben noto

Andare a tapas!
E ‘una delle cose migliori e più tipicamente spagnola, sedersi in un bar la sera e mangiare tapas, mentre si beve un drink.

Il Surreale Dali a Figueres.
Salvadore Dali è diventato uno dei pittori più amati del mondo, e il suo mausoleo / museo è surreale come le visioni da lui create.

Diego Velazquez.
Visitare il Museo del Prado di Madrid vi aprirà gli occhi su Valazquez, forse il più grande artista spagnolo di sempre. La sua opera più nota è “The Rokeby Venus”.

Le  viste spettacolari di Ronda.
Dopo aver attraversato le montagne andaluse, alla fine si può arrivare a Ronda, arroccata in cima a una rupe enorme, con un magnifico ponte che attraversa la gola tra la città vecchia e quella nuova.

Vedere il miglior calcio in Europa.
Real Madrid e Barcellona sono le squadre di punta della liga spagnola, ma anche il Valencia, il Sivilla e molte altre squadre meritano di esser viste allo stadio.

Correre con i tori.
Partecipa alle celebrazioni a Pamplona, ma è meglio lasciare che gli altri corrano con i tori durante il festival più famoso in Spagna.

E queste sono solo alcune delle attività che vi aspettano durante i vostri soggiorni studio. La Spagna, infatti, è un paese ricco di storia e d’arte, che sorprende chiunque la visiti.