L’educazione non ha frontiere!

03/10/2012

Essere educati non è mai di troppo, soprattutto quando si ha a che fare con gente di altre culture. È dunque importante conoscere bene le parole e le espressioni che dobbiamo utilizzare per dare la prova di essere educati, anche perché non c’è mai una parola di troppo nello scusarsi o nel voler aiutare qualcuno.

C’è un detto inglese che dice che sorry is the hardest word to say (scusa è la parola più difficile da dire), ma non nel senso fonetico, bensì nel senso morale. Scusa, per i più orgogliosi, è quasi un’umiliazione. Per i più arroganti, una perdita di tempo. Per i più ribelli, un’usanza antiquata. In realtà, scusarsi ha un valore enorme nella convivenza civile, in quanto è la base dell’educazione e del riconoscimento del rispetto reciproco. Ricordate dunque, sulla base di quanto abbiamo appena detto, che quando chiedete qualcosa in inglese lo fate dicendo Excuse me (mi scusi; scusami) oppure Sorry (scusa, con un significato più informale). Se vi state scusando per qualcosa che avete fatto, si spera involontariamente, direte I’m sorry oppure I apologize (mi dispiace). Se volete essere proprio cordiali e formali, userete l’espressione I beg your pardon (chiedo il Suo perdono), di gran lunga più altisonante e abbastanza inconsueta.

Potete fare una nobile figura anche chiedendo che accettino le vostre più sentite scuse: Please, accept my humblest apology. I’m genuinely sorry non si riferisce ad una scusa genuina, ma ad una scusa sentita dal profondo. Nel caso in cui vi scusiate perché non era vostra intenzione che qualcosa accadesse, potete dire It was not my intention. I’m very sorry. Tra amici sono ammesse le forme più svariate per chiedere scusa, sempre e quando lo sentiate veramente! Se qualche parola di troppo ha scatenato un litigio, spegnete il fuoco con I shouldn’t have said it (non avrei dovuto dirlo) ed una buona motivazione per la quale l’avete detto! Se avete fatto un errore degno di Mr Bean, I made a stupid mistake (ho fatto uno stupido errore) provoca compassione e probabilmente, fa si che l’errore si dimentichi! Se avete fatto dei commenti imprudenti, generalmente non avete scampo, però per quanto poco potete aiutarvi dicendo che My comments to you were ill-advised (i miei commenti nei tuoi confronti sono stati imprudenti).

Creiate il danno che creiate, vogliate chiedere quello che vogliate, ricordate di farlo con cortesia e gentilezza. Essere educati non ha prezzo… e nemmeno confini!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: